gara Don Bosco 2000 vs Frigintini Città di Modica

Sono diciotto i calciatori del Frigintini calcio Città di Modica convocati dal tecnico Alfonso Adamo per la gara di oggi pomeriggio che la formazione rossoblù giocherà a Raddusa contro la Don Bosco 2000. Sono quasi gli stessi della settimana scorsa e solo due varianti che si riferiscono a Andrea La Ferla (per motivi di studio non ha potuto rispondere alla convocazione del mister) e Simone Garaffa influenzato. In sostituzione di Andrea La Ferla ci sarà Michele Caccamo, mentre fra i convocati risulta esserci nuovamente Gabriele Leone e non Davide Calabrese che continua –invece- a risentire di un problema fisico ed è assente dai campi di gioco da oltre due mesi. L’altro infortunato “storico” è invece Mattia Bennardo anche se il forte centrocampista dovrebbe riprendere gli allenamenti; ma di giocare ancora non se ne parla. Nel corso della settimana la preparazione è proseguita con regolarità (nonostante il freddo di questi giorni) e in tutto il gruppo c’è la consapevolezza che quella di oggi pomeriggio sarà una tappa importante per il prosieguo della stagione. I rossoblù intendono risalire in classifica e dalla odierna trasferta tenteranno di ritornare imbattuti. Le due formazioni sono appaiate in penultima posizione con 10 punti e non perdere oggi sarebbe una ulteriore iniezione di fiducia per Fidone e compagni. Anche perché nei prossimi due turni di campionato ci saranno due confronti proibitivi, contro il New Pozzallo al “Barone” e la trasferta di Enna la domenica successiva (il 10 febbraio). Per i rossoblù il girone di ritorno è iniziato bene, con una vittoria sul Megara Augusta e il pareggio contro il Floridia e a Raddusa (dove la Don Bosco 2000 disputa le proprie gare interne) Pianese e compagni tenteranno di allungare la serie positiva.

Questi i convocati dall’allenatore Alfonso Adamo:

Vindigni, Vinci, Campailla, Bonomo, Pianese, Fidone, Pietro Leone, Corallo, Vasile, Noukri, Vicari, Gabriele Leone, Barillà, La Terra, Aliaj Krios, Caccamo, Buscema, Bayo Zakaria.

 

 

 

  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *